Logo ACSI

La Volley Cosenza supera in trasferta la Kermes

Contro una Kermes in allestimento la Volley Cosenza si è presentata a Spezzano Albanese senza Filippelli e la rivelazione di questa prima fase di stagione Gencarelli. Mister Crispino ha inoltre tenuto ancora a riposo precauzionale per gran parte della partita Alessandra Adamo, così come ben presto ha fatto accomodare in panchina Prezioso che avendo saltato la preparazione precampionato non è ancora al meglio, sostituendola con Rebecca Napoli in buone condizioni di forma.  E’ toccato alla giovane Caterina Marsico, proveniente dal Rogliano, debuttare in assoluto in serie C. La ragazza, titolare dall’inizio, per nulla intimorita, ha giocato con grinta e determinazione e anche se non ancora pienamente inserita negli schemi tattici della nuova categoria, è stata tra le migliori. C’è da dire che la partita non è stata divertente. Colpa soprattutto delle rossoblù che quando sentono in mano il risultato allentano paurosamente “gli ormeggi” rischiando oltre ogni misura. Questa sera a Spezzano è andata bene, mentre in coppa a Crotone era andata decisamente male. E nella pallavolo si sa, quando scende il nervosismo diventa difficile riprendere il timone della partita. Al di là del risultato positivo, lo staff tecnico prima che sugli aspetti tecnici e fisici, deve lavorare sugli aspetti mentali, per evitare cali di tensione paurosi che rischiano di mettere in discussione il risultato di partite abbordabili. La prima partita del campionato di serie C ha visto nel primo set il dominio indiscusso della Volley Cosenza che chiude agevolmente sul 25/16, a parte errori a ripetizione in battuta. Il secondo set è l’oggetto della disamina in negativo della prestazione delle cosentine. Tra cambi  e deconcentrazione, l’esito del parziale è in dubbio fino al 18 pari quando il sestetto cosentino allunga fino al 20 a 23. E qui si ripete puntualmente il black-out già visto in Coppa Calabria per la compagine di Cosenza. Errori in battuta, errori banalissimi in ricezione e un set quasi vinto, si perde per 25 a 23 con un break per le spezzanesi di 5 punti consecutivi. Ci si chiede come questo possa capitare e come mai la concentrazione non si riesca a tenerla alta fino alla chiusura del parziale. Invece per diversi minuiti l’intera squadra appare tramortita senza alcuna energia per reagire. Per fortuna che dal terzo set c’è il risveglio dal letargo. Riprende quota De Simone, poi entra Adamo, Donnici ricomincia a mettere palla a terra e tutte reagiscono quanto basta per travolgere nei rimanenti due set le ragazze di Mario Pellegrino per 25 a 12.  Un 1  a 3 che regala alla Volley Cosenza i primi tre punti della stagione. Bisogna però ora lavorare da una parte sulla testa delle atlete, devono comprendere che ogni partita è importante, e dall’altra sulla correzione degli errori in battuta. La saga delle battute imperfette deve terminare. Non è più il caso di ripetere le esperienze degli anni precedenti quando si vinceva con le prime della classe e si perdeva o si andava in affanno con le ultime in classifica.

 

News recenti